Come diventare uno chef

Tua madre ama la tua parmigiana di melanzane. A lei piace così tanto, infatti, che dopo ogni volta che ha raschiato il piatto dalle seconde porzioni, proclama con orgoglio “Potresti servirla in un ristorante”. (E per la centesima volta che hai sentito il complimento, hai iniziato a crederci.) Ma prima di fare domanda per la scuola di cucina o fare una crociera in cerca di annunci per lavori di ristorazione, leggi questo consiglio, dai professionisti che si sono guadagnati il ​​massimo, cappelli bianchi – per imparare a diventare chef che guadagna complimenti da più di una semplice famiglia.

Scegli la scuola giusta per te.

Esistono due modi per “diplomarsi” come chef: frequentare la scuola di cucina o imparare dalla scuola della vita, vale a dire, lavorare in una cucina, in qualsiasi ruolo, fino a quando non sei pronto per salire di grado. Se scegli quest’ultimo, “devi praticamente iniziare dal basso e salire fino ad abbracciare e apprezzare appieno il processo di essere uno chef e gestire un ristorante“, avverte Anna Bran-Leis, executive chef di Taqueria del Barrio . “Ma crea carattere e ti aiuta ad apprezzare le persone che fanno i lavori più scrupolosi, come lavare i piatti. Ogni parte di una cucina ha il suo ruolo importante.

Se scegli di frequentare la scuola di cucina, otterrai “una serie di abilità di base che ti avvantaggeranno immediatamente”, afferma Bran-Leis, e il tuo nuovo diploma potrebbe segnarti un lavoro in cucina migliore fin dall’inizio. “La formazione continua mentre si lavora è un altro buon modo per costruire il tuo curriculum mentre sali le classifiche“, suggerisce anche Bran-Leis. “Molte scuole di cucina offrono lezioni singole o programmi di diploma specializzati che puoi completare a tempo parziale.”

Procedi in modo da poter spostarti verso l’alto.

Il ristorante in cui inizi a lavorare non dovrebbe essere lo stesso stabilimento dal quale ti ritirerai, dice Bran-Leis, che incoraggia i neofiti a lavorare in una varietà di ristoranti prima di sistemarsi, per così dire. “Se il tuo primo lavoro è in una steak house, non scegliere un’altra steak house“, afferma, aggiungendo che “lavorare in diversi tipi di ristoranti aggiunge diversità al tuo curriculum e alla tua conoscenza degli ingredienti e tecniche. Gabriele Carpentieri, executive chef di Aureole, stellato Michelin, concorda, suggerendo che “forse ti sposti da una piccola cucina a una grande cucina o una cucina francese a una cucina americana. In entrambi i casi, il cambiamento ti aiuterà solo a crescere. ”

Se, per qualche motivo, non puoi cambiare cucina nella tua carriera, allora esplora diversi tipi di cibo nel tuo tempo libero, suggerisce Carpentieri. “Cerca e prova tutti i tipi di alimenti, in particolare quelli che non conosci o di cui sei sempre stato curioso”, afferma. “Vai in diversi ristoranti per provare diverse cucine che stanno creando altri chef nella tua comunità. E prova a viaggiare in modo da poter vedere di persona le prelibatezze di altre culture “.

Assumi ruoli di gestione quando possibile.

Essere uno chef – e sicuramente un capo o un chef executive – non si tratta solo di cucinare. Gli chef trascorrono un bel po ‘del loro tempo a gestire il personale, inviare e pagare fatture, tenere riunioni e svolgere una serie di altre attività legate al business che non hanno nulla a che fare con la preparazione dei piatti. Ecco perché Dan Bufford, lo chef di cucina di Cleo al Redbury Hotel South Beach, raccomanda che qualsiasi aspirante chef accetti anche ruoli manageriali quando possibile. “Al fine di avanzare a Cleo, ho iniziato ad assumermi responsabilità dal punto di vista commerciale per mostrare la mia versatilità e sfidare me stesso ad imparare cose nuove”, condivide.

Network, Network e ancora Network

Come in qualsiasi settore, a volte non è ciò che sai sul cibo ma chi conosci nel mondo alimentare. Il collegamento in rete non è sempre facile – ed è raramente divertente – ma Bran-Leis insiste sul fatto che non ti pentirai di aver incontrato gli animatori e gli agitatori del mondo culinario. “La vita quotidiana di uno chef può essere estenuante e nella rara possibilità che tu abbia un’intera giornata libera, è facile rimanere a casa e abbuffarsi su Netflix”, ammette. “Ma se c’è un evento del settore o qualche altra opportunità di networking, allora vai! Gli chef sono sempre alla ricerca di nuovi talenti e di ottenere il tuo numero di telefono nelle mani giuste e fare una buona impressione spesso ti porterà oltre persino una laurea in cucina. “

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *